Action for 5G

Il bando Vodafone per startup e PMI a supporto dell'innovazione sul 5G.

Domande Frequenti

  • Il 5G
  • Cos'è?
    • Che cos'è il 5G?

      Il 5G è la nuova tecnologia di comunicazione mobile. Pur potendo essere vista da un punto di vista tecnologico come un'evoluzione dell'attuale rete 4G, prevede anche l'introduzione di nuovi paradigmi infrastrutturali che permetteranno l'introduzione e lo sviluppo di applicazioni e prodotti innovativi. L'evoluzione portata in campo dalla rete 5G non riguarderà infatti solo la capacità di cella e il throughput di picco, come è stato nel passaggio tra 3G e 4G, ma permetterà anche di gestire nuovi scenari di connettività caratterizzati da altissima affidabilità e bassissima latenza, oggi non gestibili con le attuali tecnologie. Con il 5G si potranno collegare milioni di dispositivi, permettendo la realizzazione di progetti avanzati come le auto connesse, l'advanced Internet of Things, le Smart City e le Smart Home di nuova generazione.

    • Cosa cambierà con il 5G?

      Il 5G migliorerà non solo la velocità di connessione (+10 Gbps) ma consentirà l'utilizzo della nuova rete di trasmissione per applicazioni che richiedono bassa latenza (il tempo di risposta scenderà a 1-10 ms) e alta affidabilità (servizi cosiddetti "mission critical") o la connessione di milioni di oggetti e sensori a bassa energia per chilometro quadrato (servizi "massive IoT").

    • Cos'è il MIMO?

      Massive MIMO (Massive Multiple Input, Multiple Output) è una caratteristica delle nuove antenne 5G che consente di indirizzare la potenza trasmessa in maniera efficiente e dinamica verso ciascun singolo utente. Il Massive MIMO permette in questo modo di aumentare la capacità della cella e di incrementare la velocità di trasmissione (throughput) del singolo utente andando a migliorare le condizioni radio.

    • Cos'è Il MEC?

      Il MEC (Multi-access Edge Computing) è un'architettura che permette di avvicinare fisicamente all'utente alcune funzioni applicative che oggi risiedono su server centrali. In questo modo viene garantita una latenza minima tra l'utente e l'applicazione. Grazie alla bassissima latenza, sarà quindi possibile trasferire parte dell'intelligenza dal device alla piattaforma MEC posta all'interno della rete 5G. In questo modo si andrà a ridurre la complessità computazionale a bordo del device stesso, e di conseguenza si potrà beneficiare di una semplificazione dei requisiti HW.

    • Perché serve una banda di frequenza dedicata?

      Per soddisfare i requisiti di alta velocità di trasmissione, bassa latenza e milioni di oggetti connessi per chilometro quadrato, le bande di frequenza finora a disposizione e operanti praticamente a pieno carico nell'ordine di 800 MHz - 2,1 GHz non sono più sufficienti. Il 5G utilizza nuove bande di frequenza superiore. Inizialmente sono previste frequenze a partire da 3,4 GHz mentre per il futuro si stanno vagliando bande di frequenza ancora superiori, a partire da 24 GHz, la cui copertura diminuisce all'aumentare della frequenza per via della legge di propagazione delle onde. Una rete 5G basata su onde millimetriche di questo tipo richiede pertanto un gran numero di «microcelle» e l'integrazione con la rete mobile attuale.

    • Quando sarà lanciato il 5G?

      Il 5G è in fase di sperimentazione pre-commerciale nelle città di Milano, Bari, Matera, Prato e l'Aquila sulle frequenze di banda 3,6 - 3,8 GHz assegnate per la sperimentazione dal MiSE. L'asta per l'assegnazione delle frequenze destinate al 5G è prevista per il 2018 ed il lancio commerciale potrà avvenire solo dopo il rilascio, da parte del Ministero, delle frequenze in banda 3,6-3,8 GHz e 26,5-27,5 GHz. Le frequenze 700 MHz saranno rilasciate dal Ministero successivamente.

    • Quando potrò usare il 5G con il mio cellulare/tablet?

      Il 5G sarà disponibile a partire dal 2020 con copertura delle maggiori città italiane. Milano sarà completamente coperta dal 5G già entro il 2019 grazie alla sperimentazione 5G di Vodafone ma saranno necessari i primi device 5G commerciali per poterlo utilizzare.

    • Il mio cellulare funziona con il 5G?

      Il 5G è la nuova tecnologia di comunicazione mobile ancora in fase di sperimentazione e che sarà disponibile dal 2020 nelle principali città italiane. Tutta l'industria è focalizzata su questa nuova tecnologia e riteniamo che per quella data ci saranno anche i primi cellulari che consentiranno di utilizzare la nuova tecnologia 5G.

  • La sperimentazione
    • Cos'è la sperimentazione 5G?

      In Italia la sperimentazione pre-commerciale del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) è già stata avviata in cinque città. L'area metropolitana di Milano è stata assegnata a Vodafone, Prato e l'Aquila a WindTre-Open Fiber, Bari e Matera a Tim-Fastweb-Huawei. Durerà fino al 2020 e permetterà di toccare con mano le potenzialità del 5G sia in termini infrastrutturali sia di servizi, anche grazie a use case mirati che saranno realizzati con importanti partner industriali e tecnologici.

    • Posso partecipare alla sperimentazione Vodafone a Milano?

      La sperimentazione del 5G è rivolta esclusivamente ad alcuni partner tecnologici e istituzionali selezionati e già comunicati al Ministero dello Sviluppo Economico, tuttavia le startup/PMI selezionate dal programma Action for 5G potranno iniziare a testare le proprie soluzioni in 5G accedendo agli spazi Open Lab e riceveranno inoltre servizi di consulenza tecnico-specialistica sul 5G e supporto necessario per lo sviluppo e testing della soluzione.

  • Il lancio commerciale
    • Ci sono altre sperimentazioni 5G in Italia?

      Oltre alla sperimentazione di Vodafone nell'area metropolitana di Milano, si sta sperimentando la tecnologia a Prato e l'Aquila con WindTre-Open Fiber e a Bari e Matera con Tim-Fastweb-Huawei.

    • Esistono dei casi concreti di utilizzo del 5G?

      Gli esempi concreti non mancano: dalla chirurgia a distanza (che sfrutterà la bassa latenza per rendere affidabile il controllo in remoto di robot in grado di eseguire anche le operazioni più delicate), alla realtà virtuale mobile (resa possibile dalla grande velocità di trasmissione), fino alle auto a guida autonoma, che, per poter davvero circolare su strada senza provocare incidenti, avranno bisogno di comunicare tra i veicoli, e non solo, in tempi rapidissimi.

  • Il bando Action for 5G
  • Le candidature
    • Come posso presentare la mia candidatura?

      Ti basta cliccare su Crea la tua candidatura e compilare gli appositi campi entro e non oltre le ore 17 del 31 marzo 2018. Puoi anche completare il processo in momenti diversi, semplicemente salvando le versioni intermedie e cliccando su "Riprendi" a compilare per proseguire. La partecipazione è gratuita e non prevede alcun vincolo.

    • Posso presentare più progetti?

      Sì, l'importante è che utilizzi sempre lo stesso indirizzo email.

    • Quali documenti devo allegare alla candidatura?

      Per ogni progetto devi allegare:
      1. i CV dei componenti del team
      2. una presentazione chiara, sintetica ed efficace del progetto in formato "PPT" o "PDF"
      3. l'URL di un videopitch di 4/7 minuti caricato su piattaforme ad accesso gratuito (come YouTube) in cui il team si presenta e descrive il progetto. Ricordati di indicare la password se la visualizzazione del video è protetta
      4. documenti tecnici, tabelle o altri elementi utili (facoltativi).
      Tutti i documenti richiesti possono essere in lingua italiana o inglese.

    • Cosa deve contenere la presentazione da allegare?

      La presentazione del progetto in formato "PPT" o "PDF", deve comprendere lo scenario competitivo, la tecnologia sviluppata e/o adottata, le principali "milestone" previste, il modello di business e la stima dei costi di sviluppo per le fasi del programma Action for 5G. Deve comunicare i punti fondamentali della soluzione proposta, mostrando come la tecnologia 5G ne sia un fattore abilitativo e distintivo.

    • Cosa deve includere il piano di lavoro da presentare?

      Il piano deve includere, in modo dettagliato, le milestone del progetto e tutte le attività con i relativi fondi necessari alla sua realizzazione.

    • I documenti presentati a supporto delle candidature sono pubblici?

      I documenti rimangono di proprietà dei partecipanti, con facoltà di utilizzo da parte del Comitato di Valutazione e del Board per tutte le attività previste nelle varie fasi del programma Action for 5G.

    • Se la mia startup è ancora in via di costituzione, posso partecipare?

      Sì, è necessario però proporre progetti innovativi basati su un vantaggio competitivo forte e difendibile (es. tecnologia brevettabile, competenze distintive e forte know how tecnologico).

    • Non sono una startup ma un'impresa con un progetto innovativo sul 5G, posso candidarmi?

      Puoi candidarti se sei una piccola e media impresa (PMI) o un'impresa sociale con un progetto innovativo che abbia un vantaggio competitivo forte e difendibile e con asset, risorse e team dedicati esclusivamente al progetto che intendi presentare.

    • Posso partecipare se il mio progetto partecipa ad una delle sperimentazioni del 5G in Italia?

      No, puoi candidarti al bando solo se partecipi alla sperimentazione 5G di Vodafone con progetti però diversi da quelli oggetto della sperimentazione stessa.

    • Possono partecipare solo startup/PMI italiane?

      Possono partecipare al bando Action for 5G solo legal entity già operanti o che opereranno in Italia e che concorreranno a far crescere e innovare il sistema Paese Italia.

    • Posso applicare al bando Action for 5G se sono una startup che non opera a Milano?

      Per poter applicare al bando non è strettamente necessario operare nell'hinterland milanese. Sarà però necessario che la progettazione, lo sviluppo e i test vengano effettuati a Milano. Saranno messi a disposizione delle aziende gli spazi Open Lab di Vodafone e del Politecnico di Milano, oltre che la rete 5G di Milano della sperimentazione.

    • Se la mia soluzione ha bisogno dell'Internet of Things, posso applicare al bando e sperimentarla in 5G?

      Si, puoi applicare al bando startup e iniziare a sperimentare la tua soluzione con l'attuale tecnologia NB-IoT sulle frequenze già disponibili oggi in banda 800Mhz. Successivamente, il progetto potrà essere scalato su rete 5G sfruttando a pieno le ulteriori potenzialità della rete 5G in materia di IoT consentendo di connettere milioni di oggetti per chilometro quadrato utilizzando la nuova banda 700 Mhz che non è però tra quelle messe a disposizione attualmente dal MISE per la sperimentazione 5G.

    • Se il progetto innovativo funziona anche con le attuali tecnologie 4G / 4,5G / NB-IoT posso applicare lo stesso al bando?

      Si, ma per essere selezionato si dovrà dimostrare i vantaggi che il 5G potrà apportare al progetto stesso (ad esempio evoluzione della customer experience, nuovi target di clienti indirizzabili, nuove funzionalità/servizi erogabili).

  • Il programma
    • Nella fase di Progettazione in 5G, quali servizi mi offrite?

      Verranno offerti alle aziende selezionate diversi servizi, alcuni inclusi per tutte le aziende selezionate ed altri opzionali in base alle esigenze di ciascuna. Alcuni esempi: servizi di consulenza tecnico-specialistica sul 5G, supporto alla definizione del business model e della customer experience, coaching, attività a supporto della preparazione del pitch per il board, servizi di consulenza legale e ricerca brevettuale. Verranno inoltre offerti spazi a Milano di coworking presso il PoliHub, di Open Lab Vodafone e del Campus Open Lab del Politecnico di Milano.

    • Nella fase di Sviluppo e test in lab, quali servizi mi offrite?

      In questa fase avverrà l'assegnazione di ulteriori fondi in cash da parte di Vodafone e resteranno a disposizione gli accessi agli spazi di coworking, open lab Vodafone e del Politecnico nell'ambito della Sperimentazione 5G a Milano per sviluppare e testare il progetto su rete 5G. Inoltre saranno erogati servizi di coaching tecnologico e di business da parte di Vodafone e del PoliHub.

    • In cosa consiste la "due diligence"?

      I progetti che accedono alla fase di Progettazione in 5G potranno essere oggetto di due diligence. Investitori e consulenti esterni scelti da Vodafone analizzeranno tutte le informazioni riguardanti l'azienda (struttura organizzativa, societaria, economica-finanziaria, ecc.), le sue potenzialità e i progetti selezionati, richiedendo eventuali dettagli aggiuntivi.

    • Cosa devo presentare a fine dicembre 2018?

      Si dovrà presentare un prototipo funzionante, sviluppato e testato su rete sperimentale 5G utilizzando uno degli open lab a disposizione nell'area Metropolitana di Milano.

    • Quando potrò lanciare il mio progetto con il 5G?

      Il progetto selezionato per il bando Action for 5G potrà essere sperimentato in 5G presso gli spazi Open Lab di Vodafone e del Politecnico a Milano e potrà essere commercializzato inizialmente utilizzando le attuali tecnologie. Quando sarà disponibile il servizio 5G sul territorio nazionale potrà essere scalato sfruttandone a pieno le potenzialità.

  • I finanziamenti
    • Quando saranno effettuate le erogazioni?

      Le erogazioni dei fondi avverranno in diverse tranche in accordo alle varie fasi del bando: le prime risorse verranno erogate durante la fase di "Progettazione in 5G". Le successive saranno erogate ai progetti selezionati per partecipare alla fase di "Sviluppo e Test in Lab". Verrà stipulato con le startup/PMI/imprese sociali selezionate un apposito contratto di erogazione.

    • Quanti fondi saranno resi disponibili per singola startup?

      I fondi saranno distribuiti in base alla strategicità del progetto in modo da garantire investimenti significativi alle idee maggiormente promettenti e interessanti ed erogati in tranche successive in base al piano di lavoro che sara' presentato al Board.

    • In quale modalità verranno erogati i fondi?

      I fondi verranno erogati, in cash o in servizi, in accordo alle diverse fasi del bando e potrà avvenire in più tranche, in base al piano presentato e all'effettiva attuazione dello stesso. Gli investimenti potranno essere effettuati in modalità "Seed funding", "In kind" o "Pre-seed".

    • In cosa consiste l'erogazione dei fondi "Seed Capital"?

      Nel caso di investimenti particolarmente strategici, Vodafone andrà a erogare fondi in cash acquisendo una partecipazione all'interno dell'azienda finanziata. La quota di partecipazione sarà definita successivamente al momento della stipulazione del contratto di erogazione.

    • In cosa consiste l'erogazione dei fondi "In kind"?

      In caso di un interesse commerciale da parte di Vodafone per l'idea, i fondi saranno erogati per sostenere il lancio commerciale del progetto e Vodafone ne acquisirà i diritti per lo sfruttamento economico per un periodo di 12 mesi dalla commercializzazione.

    • In cosa consiste l'erogazione dei fondi "Pre-seed"?

      Nel caso in cui il progetto sia estremamente innovativo ma richieda ulteriori fasi di progettazione è prevista la possibilità di erogazione di fondi in cash a fondo perduto.

    • Quanto verrà erogato nella fase di Progettazione in 5G?

      Nella fase di Progettazione in 5G, i progetti selezionati riceveranno un primo finanziamento, per un valore tra 50.000€ e 200.000€, erogato in servizi di consulenza tecnico-specialistica o in denaro.

    • Quando avviene la seconda erogazione di fondi?

      I progetti selezionati per l'ultima fase del programma, Sviluppo e test in Lab, avranno accesso alla seconda erogazione di fondi che potrà avvenire in denaro con partecipazione nel capitale della società (seed capital) e/o in servizi e risorse Vodafone per sostenere e lanciare commercialmente il progetto (finanziamento in kind) oppure con finanziamento a fondo perduto (pre-seed). L'erogazione dei fondi avverrà tenendo conto del piano di lavoro presentato in fase di candidatura al bando.

    • I fondi possono essere utilizzati anche oltre il 31 dicembre 2018?

      Si, i fondi verranno erogati in diverse tranche nel 2018 ma potranno essere utilizzati anche successivamente in base al piano presentato e approvato dal board.

    • Le startup/PMI selezionate nel 2018 potranno accedere ai fondi degli anni successivi?

      Si, le aziende che si saranno distinte particolarmente nell'ambito del programma per l'innovazione tecnologica e di business potranno essere oggetto di successivo funding nei successivi bandi annuali Action for 5G.

    • Nel caso in cui il piano presentato dovesse subire dei ritardi?

      Nel caso il piano subisse ritardi e le modifiche non fossero approvate dal Board, non verranno erogate le successive tranche di finanziamento.

  • La proprietà intellettuale e altri diritti
    • Esiste un diritto di proprietà intellettuale di Vodafone sul mio progetto?

      Sì nel caso in cui, in esecuzione delle attività oggetto del bando, emergano opere tutelabili con brevetti, know-how, software, pubblicazioni, ecc. In tal caso verrà riconosciuto e accordato a Vodafone il diritto all'utilizzo e allo sfruttamento economico esclusivo nei termini e alle condizioni che verranno stabilite.

    • Nel caso di diritto di proprietà intellettuale preesistente all'applicazione al bando, cosa succede?

      La startup/PMI selezionata manterrà la titolarità esclusiva sui diritti di proprietà intellettuale maturati prima dell'avvio del programma Action for 5G.

    • Esiste un diritto di esclusiva commerciale di Vodafone per il mio progetto?

      Sì, per i soli progetti che risulteranno particolarmente strategici ed interessanti per Vodafone e che dunque accederanno alla seconda erogazione di fondi con la modalità in seed o in kind. Per questi progetti è previsto per Vodafone il diritto di utilizzazione e sfruttamento economico del progetto in esclusiva per un periodo di 12 mesi dall'avvio della sua commercializzazione.

    • È possibile stipulare un NDA per proteggere la mia idea/progetto?

      Si, per garantire la riservatezza reciproca di informazioni, dati, documenti di carattere riservato o confidenziale, sarà stipulato un accordo di riservatezza che disciplinerà i criteri, le modalità e i limiti che regoleranno l'acquisizione e l'utilizzo delle informazioni riservate fra Vodafone e i candidati selezionati. Informazioni in merito al progetto selezionato potranno essere rese pubbliche mantenendo comunque la riservatezza sul contenuto innovativo del progetto stesso.

Candidature terminate ma è in arrivo la Call #2

È in corso la fase di selezione finale della Call #1.

Action for 5G

Cos'è

È la «call for startup» di Vodafone per stimolare e supportare la nascita di progetti innovativi che individuino nel 5G il fattore abilitante distintivo

A chi è rivolto

  • Startup innovative
  • Imprese sociali
  • Piccole e medie imprese

con asset e risorse dedicati al progetto innovativo che sarà potenziato dalla nuova tecnologia 5G

Ambiti

  • Robotica e sensoristica per Industria 4.0 e Sanità
  • Dispositivi e sensori connessi per IoT, Smart City & Smart Grid e Sicurezza
  • Applicazioni di Big Data Analytics e Soluzioni Digitali mobili per Sicurezza, Sanità e Industria 4.0
  • Soluzioni e dispositivi AR/VR in ambito Entertainment, Sicurezza e Sanità
  • Dispositivi Wearable connessi in mobilità per Sanità, Education e Entertainment

Cosa offriamo

€ 2,5 Mln tramite:

  • Finanziamenti
  • Consulenza tecnico-specialistica
  • Infrastrutture sperimentali 5G presso Open Lab di Vodafone e Campus Open Lab del Politecnico di Milano
  • Spazi del PoliHub

Il bando per startup

Sabrina Baggioni, 5G Program Lead di Vodafone Italia, racconta il bando per startup e PMI

I prossimi passi

Timeline Action for 5G

Dicembre 2017
Inizio raccolta candidature
Marzo 2018
Termine presentazione progetti
Aprile 2018
Valutazioni delle candidature e pre-selezione
Maggio e Giugno 2018
Progettazione in 5G
Luglio2018
Presentazione dei progetti e selezione finale
Settembre2018
Sviluppo e test in Lab
Dicembre2018
Termine del programma

in collaborazione con